Il Primato Nazionale mensile in edicola

Varese è nota come la Città dei Giardini. Il motivo è davvero intuitivo: su tutta la sua pianta, dal centro storico alla periferia, sono dislocati parchi, giardini, cortili e scorci davvero suggestivi.

Abbiamo raccolto i nostri preferiti, da vedere anche in pochissime ore! Se poi vorrai rimanere in città un po’ più di tempo, non mancano le strutture alberghiere che, oltre al pernottamento, garantiscono esperienze ulteriori, legate al benessere o culinarie.

Iniziamo!

Giardini d’Este

La famiglia d’Este ha governato la città per molti anni, tra il 1700 e il 1800. La residenza estiva della famiglia, oggi palazzo del municipio, è contornata da un enorme giardino all’italiana che richiama per stile e struttura quello di Schönbrunn, a Vienna.

Visitare il giardino è completamente gratuito. Si paga invece per l’accesso al museo civico archeologico di Villa Mirabello.

Villa Panza

Uscendo la centro storico non è difficile imbattersi in Villa Panza, protetta dal FAI. Per gli iscritti all’associazione l’accesso è agevolato, ma il suo costo si aggira tra i 15 e i 7 euro, a seconda di sconti e convenzioni. La villa custodisce la collezione permanente del pittore omonimo, ma si alternano anche mostre di arte contemporanea che vale la pena scoprire.

Con una piccola integrazione al biglietto è possibile visitare il grande parco che la contorna e le serre botaniche.

Ville Ponti

Rimaniamo nell’immediata provincia di Varese per cercare Ville Ponti. Si tratta di tre edifici adibiti a centro congressi, ma immersi in un parco all’inglese. Il percorso botanico gira tutto intorno agli edifici.

Viale delle Cappelle

In epoca rinascimentale visitare la Terra Santa per i pellegrini era diventato troppo pericoloso. La curia di Varese si adattò costruendo un percorso di circa 2 km detto Viale delle Cappelle: ad ogni stazione ci si fermava per una preghiera. Alla fine del percorso c’è il Sacro Monte, sormontato dal santuario di Santa Maria del Monte.

Quanti giardini persi tra i palazzi!

Se invece vuoi rimanere nel centro storico e non allontanarti troppo dalla città, per evitare di spostarti in auto, non devi far altro che sbirciare tra palazzi e cancelli. Piccoli scorci alberati, aiuole profumate e piccoli chiostri e giardini sono davvero ovunque! Basta fermarsi ogni qualche passo e guardarsi bene intorno, perché queste piccole gemme della città di Varese amano farsi vedere solo da chi è un po’ paziente.

Se vuoi provare questo esperimento non possiamo far altro che suggerirti di rimanere nei pressi di Corso Matteotti, il centro della città. Prova a scandagliare qualche vietta laterale e ad addentrarsi nelle strade laterali: chissà che foto potresti riuscire a scattare!

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta