Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 14 dic – Bella Ciao, resistenza, paranoia antifascista, accoglienza, le Ong hanno sempre ragione, Mediterraneo culla del multiculturalismo, transfobia: sono le ore 16, la tanto attesa manifestazione delle sardine “Roma non si lega” è iniziata da un’ora e ancora non si è sentita una parola che non sia declinata su queste coordinate. Che gli italiani e i loro bisogni sarebbero rimasti inghiottiti dalla narrazione era nell’aria, ma la prima ora di questa manifestazione è spiazzante anche per gli stomaci più allenati. Non si è ancora sentita una parola su Ilva, Mes, disoccupazione.

A cominciare dalla presidente dell’Anpi Carla Nespolo, che ha aperto con la solita lezioncina sulla Costituzione, “il nostro faro e la nostra guida” ed “è antifascista, come vollero i costituenti”. “Non è lecito a nessuno diffondere il razzismo, respingere le persone in base al colore della pelle, essere antisemiti”. Applausi, parte Bella Ciao. Uno dei primi dati dalle dirette fornite dalle varie testate giornalistiche riguarda l’età dei manifestanti: è una piazza di vecchietti. I giovani ci sono, ma la loro presenza è diluita in un mare di teste canute. Giovane, invece, è la ragazza musulmana che dal palco rifà il verso al video-tormentone della Meloni pronunciato proprio in piazza San Giovanni due mesi fa: “A Salvini e Meloni non piacerà la mia presenza… perché sono una donna, sono musulmana e sono figlia di palestinesi. Non vi permetteremo di aprire le pagine nere del passato, questo è uno Stato di diritto”. Standing ovation. Le è piaciuto vincere facile.

Dopo di lei suona l’Inno di Mameli (la ragazza scende dal palco senza cantarlo) ecco il turno di Pietro Bartolo, l’ex medico dei migranti di Lampedusa ora europarlamentare Pd, che con voce rotta dalla commozione ha chiesto di “cancellare i decreti sicurezza, leggi vergognose che non ci sono in nessun’altra parte del mondo”. Seguono gli interventi della giurista e portavoce di Sea Watch Giorgia Linardi e di quello di una trans. Insomma, aspettando l’intervento di Santori, pare che le sardine vogliano evidentemente che la profezia di Rizzo (“Farete arrivare Salvini all’80%”) si avveri. 

Cristina Gauri

17 Commenti

  1. … è ora di rispondere organizzando una manifestazione sovranista che abbia, come obiettivo, la richiesta di nuove elezioni…

  2. “A Salvini e Meloni non piacerà la mia presenza… perché sono una donna, sono musulmana e sono figlia di palestinesi…….”.
    COSE MESSE LI’ SENZA SENSO.

  3. Palestinesi chi? Dove? Non mi risulta esistano popoli palestinesi, arabi ed ebrei insediatisi in palestina terra fenicia si!

  4. “A Salvini e Meloni non piacerà la mia presenza… perché sono una donna, sono musulmana e sono figlia di palestinesi” deve dirlo ai suoi pari etnici e ideorologhi!

  5. Si parla di amore e di libertà e si da voce ad una musulmana che queste frasi non sanno manco il significato altrimenti si sarebbe presentata senza il velo!

  6. Rispondo alla “PALESTINESE” (ARABA) USULMANA! Vediamo se abiura questo!

    Una bambina di 6/10 anni che deve essere pronta a portare il burqa e a sposarsi è come un adulta di 100 di anni perciò pronta a morire per l’islam!

    “Uccidete gli infedeli ovunque li incontriate. Questa e la ricompensa dei miscredenti.” (Sura 2:191)
    Allora cosa pensate che sia questo, un incitamento l’amore nascosto?

    Combatteteli finché non ci sia più persecuzione e il culto sia [reso solo] ad Allah![Sura2;193].
    Combatteteli finché l’Islam non regni sovrano”![Sura 2:193].

    Tanto per farvi capire che qualsiasi costituzione o ordine giuridico è messo in discussione

    Questo passo e fantastico; se credi (ma devi credere!) devi combattere anche se non lo ritieni giusto. “Vi e stato ordinato di combattere, anche se non lo gradite. è possibile che abbiate avversione per qualcosa che invece e un bene per voi, e può darsi che amiate una cosa che invece vi e nociva. Allah sa e voi non sapete.” (Sura 2:216).
    Presunzione, presunzione presunzione. Cioè solo dio conosce la verità e tu la devi seguire.

  7. Ma a quei c3ssi n3gri urlanti chi è che glieli ha comprati, preparati e distribuiti quei bei cartelli così ben fatti?

  8. Povere sardine.
    Corrono felici in branco, ignare di essere facili prede di pesci più grossi, come gli squali, i delfini, le otarie e le stesse sarde, e di abilissimi
    uccelli che come razzi calano improvvisamente dal cielo.
    Poi come d’incanto il branco scompare.

  9. Nessuno vuol dire la triste verita’ ,una epidemia di froci malati sta proliferando a dismisura e nessuna casa farmaceutica vuole trovare una cura. ma secondo voi e’ normale che ci siano tutti questi milioni di froci in italia? per me e’ una malattia come un altra da curare .

  10. Errmenegildo…, fuochino, fuochino. I gay veri appaiono non tanto dei malati quanto delle vittime di disfunzioni (ormonali?), per “ingestione” scorretta alimentare e/o culturale. fuoco!
    Il Fuocone, cioè la verità dovrebbero darcela i mega centri di elaborazione dati se non fossero usati altrimenti… Al intuito bastano le percentuali, cioè una conclusione scientifica fortemente plausibile.
    I farmaci, se non obbligatori, senza reali alternative, rimandali a casa….farmaceutica. Le controindicazioni ti paiono rischi inesistenti?!

Commenta