Il Primato Nazionale mensile in edicola

Realizzare il sogno di avere una casa di proprietà a New York oggi è ancora più facile vista la tendenza dei prezzi al ribasso. Negli ultimi anni il mercato newyorkese ha subito delle oscillazioni notevoli, sia a causa della debolezza del dollaro che della crisi finanziaria dei mutui subprime iniziata negli Usa oltre un decennio fa.

Sangue di Enea Ritter

Tutto questo ha portato alla discesa graduale dei prezzi che ha reso il mercato americano molto appetibile agli investitori, molti dei quali sono italiani, per tradizione amanti del mattone. Ma come orientarsi fra le tante case in vendita a New York? Come fare per scegliere quella giusta e, soprattutto, per trovare quella più in linea con le proprie esigenze? Vediamo di seguito cosa fare per acquistare una casa nella Grande Mela.

Black Brain

Affidarsi ad un’agenzia immobiliare

Per fare un acquisto oculato bisogna necessariamente affidarsi ad un’agenzia immobiliare specializzata nella compravendita di immobili a New York. Rivolgersi a broker competenti e professionali è infatti indispensabile per evitare brutte sorprese.

E’ anche la scelta migliore per evitare di occuparsi della parte burocratica che richiede tempo e conoscenze adeguate. Infine, rivolgersi ad esperti del settore permette anche di scovare ottimi affari e comprare abitazioni prestigiose a prezzi ridotti.

Acquistare casa in condo o in co-op

Il primo aspetto da tenere in considerazione nell’acquisto di una casa a New York è la tipologia di immobile che si intende comprare. Infatti, esistono due categorie di appartamento, condo e co-op.

Le case in condo tendono ad essere più costose, costituiscono appena il 20% degli immobili disponibili, ma consentono di avere piena proprietà e libera scelta di affittarle, ristrutturarle o rivenderle.

Se invece si acquista un immobile co-op non si diventa proprietari dell’immobile ma di una quota di esso. Questo implica una limitazione alle decisioni personali in quanto si diventa soci con gli altri inquilini e, ogni dettaglio, deve essere deciso con il consenso di tutti.

Affitti, ristrutturazioni e qualsiasi altra cosa devono essere infatti concordati con tutti gli altri inquilini dell’immobile. Ovviamente se si vuole acquistare un immobile per un investimento redditizio e magari si desidera acquistarlo allora la soluzione migliore è quella in condo.

Altre soluzioni per acquistare casa nella Grande Mela

 

Fra le altre tipologie di case presenti nella Grande Mela vi sono le Townhouse, delle caratteristiche villette a schiera che si distinguono per la facciata in mattoni rossi. Queste villette possono essere unifamiliari, oppure, suddivise in più appartamenti.

Vi sono anche le Brownstones, anche queste villette a schiera ma più tradizionali, risalgono ai primi del Novecento e si distinguono per la facciata in pietra arenaria. Anche queste possono essere unifamiliari oppure suddivise in più appartamenti. Entrambe le soluzioni, sia le Townhouse che le Brownhouse, sono la scelta perfetta per chi ha bisogno di una casa dove soggiornare per lunghi periodi. Poiché in genere sono abbastanza spaziose, si possono ricavare degli appartamenti per affittarli e quindi far fruttare l’investimento.

Invece, nel caso si abbia bisogno di un luogo che sia un punto di riferimento per lavoro, è possibile optare per uno dei tanti monolocali disponibili in città. Sono dei mini appartamenti ideali per soggiorni brevi, da acquistare anche arredati, perfetti da sfruttare come ‘pied a terre’.

Per chi ha bisogno di spazi maggiori e desidera qualcosa di innovativo e contemporaneo, la scelta perfetta è invece un loft, ottenuti dalla riqualificazione di magazzini o edifici industriali dismessi.

In quale zona scegliere la casa

A fare la differenza nella scelta, oltre che la categoria, è anche la posizione della casa. Non tutte le zone sono uguali a New York e come tutti ben sappiamo, vi sono distretti molto cari e distretti più accessibili.

Tuttavia, ad oggi si possono fare ottimi affari anche in quella che è sicuramente la zona più cara in assoluto, ossia Manhattan, considerata quella più alla moda e più allettante per i bei palazzi e ville che la popolano.

Ma anche Brooklyn è un’alternativa da prendere in considerazione, sia perché è meno costosa come zona, che per le riqualificazioni avvenute negli ultimi anni, che l’hanno resa molto più chic. Stessa cosa vale anche per il Bronx, oggi più vivibile e dove si trovano proposte allettanti. Altra zona, anch’essa molto bella, è il Queens, mentre per chi desidera una casa in una zona più riservata l’ideale è certamente l’isola di Staten Island.

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta