Il Primato Nazionale mensile in edicola

Ormai presente in quasi tutte le case, il box doccia è un elemento irrinunciabile nell’arredamento del bagno. Preferirlo alla vasca significa ricorrere ad una soluzione più pratica, grazie all’ingombro contenuto, e che sa rivelarsi altrettanto rilassante. Specie se all’interno della cabina si installano colonne doccia multifunzione e soffioni a soffitto. Ma come trovare il box giusto per il proprio bagno? Da dove partire per la selezione?

Innanzitutto le dimensioni, che devono essere coerenti con lo spazio a disposizione. E mentre per sanitari e piatti doccia i formati sono standard, nel caso del box le possibilità sono moltissime, perché vengono realizzati sia in versione quadrata che rettangolare. Si hanno quindi box doccia 70×70, 70×90, 80×80, box doccia 80×120 e in diversi altri formati. Senza contare la possibilità di sfruttare una nicchia per l’installazione della doccia con un box semicircolare.

Le potenzialità del box in termini di ottimizzazione degli spazi consentono anche di installare la doccia in bagni molto piccoli, dove inserire una vasca sarebbe impossibile. C’è chi invece preferisce posizionare una seconda doccia in un ambiente diverso dal bagno, magari sfruttando lo spazio nella zona lavanderia. In ogni caso quella delle docce separate è una soluzione consigliata per le famiglie numerose.

Come selezionare il box doccia: le opzioni per porta e materiali

Oltre alle dimensioni, vanno considerati i materiali e il tipo di apertura. Elemento, quest’ultimo, determinante quando le metrature sono ridotte. Se lo spazio scarseggia, le opzioni migliori sono le cabine con porta scorrevole e a soffietto.

Altrimenti una delle opzioni più gettonate è la cabina con porta battente, una soluzione di grande impatto estetico e che agevola l’ingresso nella doccia. Nell’ipotesi di pareti irregolari è necessario selezionare una cabina dotata di profili di compensazione.

I pannelli della cabina doccia possono essere in materiale acrilico o cristallo temperato. Il primo ha il vantaggio di essere economico ed è disponibile in molteplici varianti (trasparente, semitrasparente, con stampe, motivi floreali, ecc.). Il cristallo fa alzare il prezzo, essendo molto più pregiato.

Inoltre conferisce all’ambiente un tocco di eleganza e si adatta perfettamente all’arredamento in stile classico e moderno. Merito anche delle numerose alternative stilistiche: i pannelli sono realizzati in versione trasparente, satinata, con stampe o serigrafie.

L’ultimo punto nevralgico per la scelta del box doccia è il trattamento anticalcare. È sempre consigliato per chi ha problemi di calcare dovuti alla durezza dell’acqua, ma in linea di massima è utile in ogni ambiente perché semplifica le operazioni di pulizia e allunga nel tempo la durata del box doccia.

Commenta